La sabbiatura del ferro

Sabbiatura del ferro

La sabbiatura, impiegata con successo in carpenteria, consente di uniformare la superficie dei metalli per lavorazioni successive, quali la verniciatura. Il ferro, tra i metalli, è uno dei materiali più delicati e, per questa ragione, il trattamento di sabbiatura richiederà degli accorgimenti particolari per la specifica natura del materiale.

Sabbiatura di container: il lavoro finito

La pulizia dei metalli

La sabbiatura consente di pulire i metalli da incrostazioni e ruggine, sfruttando una corrente abrasiva adeguata al materiale da trattare e riportando il materiale alla condizione iniziale. Prima di procedere alla verniciatura – adottando la tecnica a spruzzo o a polvere – è indispensabile procedere alla pulizia preliminare per far sì che la successiva verniciatura venga effettuata a regola d’arte.

 

La sabbiatura del ferro prevede l’utilizzo di una corrente abrasiva costituita da un getto d’aria e del materiale abrasivo, avendo l’accortezza, dunque, di eseguire una sabbiatura a secco piuttosto che umida (anche detta idrosabbiatura).

Zincante e stuccatura di un rimorchio

Sabbiatura a secco o umida

L’idrosabbiatura, che prevede l’utilizzo di acqua come veicolo della graniglia abrasiva, potrebbe provocare corrosione sulla superficie ferrosa. In questo caso, sarà indispensabile utilizzare degli inibitori di corrosione o ricorrere alla sabbiatura a secco, una tipologia di lavorazione senz’altro più adatta per le lavorazioni su ferro.

 

Poiché tale trattamento non è esente dalla formazione di polvere, è indispensabile poter contare su un efficace sistema di abbattimento delle polveri. Si utilizza, dunque, una cabina di sabbiatura che consente tra l’altro di poter recuperare e riciclare la graniglia non adoperata, nel pieno rispetto dell’ambiente. In questo modo, anche il ferro più delicato potrà tornare a nuova vita.

Siamo a tua disposizione per qualsiasi informazione.